Freelance è una parola che mi fa rabbrividire. È associato a manodopera a basso costo, secondo lavoro, tariffe orarie limitate, hobby per pochi soldi extra, tutto tranne una seria carriera professionale di alto livello.

 

Durante i miei oltre 13 anni di attività, ho coperto entrambi i ruoli di imprenditrice e consulente. Ricordo ancora quando un altro designer e imprenditore mi chiese come andava il mio lavoro di libera professionista. Ho risposto con fermezza che la mia nuova impresa era iniziata alla grande.

 

Soprattutto per noi donne, e ancora di più per noi madri: dobbiamo sempre dare il 200%, usare tutte le nostre capacità per spostare la famosa asticella, per generare profitti e risultati di livello per i nostri clienti. Posizionarci come specialisti di grande valore è LA CHIAVE per essere adeguatamente ricompensate. Essendo un’italo-americana nata e cresciuta negli Stati Uniti, credevo di conoscere il divario di genere nei rapporti d’affari e nella retribuzione, ma non è nulla in confronto alla situazione in Italia. Colmare questo 50% di gap: lo dobbiamo a noi stessi e alle nostre generazioni future per continuare a crescere.

 

Ho iniziato a lavorare da sola a poco a poco e sono diventata ufficialmente un’imprenditrice nel 2008. Avendo lavorato da sola per così tanto tempo, ho imparato, ceduto e cambiato costantemente.

 

Questi sono alcuni dei miei consigli più importanti per lavorare da soli:

 

  1. Avere uno spazio di lavoro designato.

Ho gestito la mia attività da una bellissima camera da letto completamente trasformata in ufficio, una scrivania in una cabina armadio e l’angolo di un tavolo da cucina. Non importa quanto grande o piccolo, quello era il posto in cui sarei andato ad entrare mentalmente nella modalità di lavoro.

 

  1. Va bene cambiare dove e come lavori, e molto probabilmente cambierà.

Molti imprenditori avvertono la necessità di cambiare il posto in cui lavorano, attraversando fasi di diversi anni in un ufficio, a casa, alle caffetterie fino a lavorare in un vero e proprio ufficio o spazio di co-working. È importante essere consapevoli delle tue esigenze. Come mamma di un bambina piccola, fino alla pandemia, ho lavorato durante le ore della scuola materna dalla mia auto, dai caffè, dalla hall della scuola – massimizzo lo spazio e il tempo dove posso.

 

  1. Stabilisci il tuo programma di lavoro.

Ho attraversato diversi periodi di ansia e trauma che mi hanno portato a fare un lavoro davvero profondo nella ricerca di modi per essere mentalmente sano durante la gestione di un’azienda, essere una mamma ed essere me – una cittadina adulta del mondo. Uno stratega aziendale e mia mamma hanno condiviso questo suggerimento con me: va bene NON lavorare tutti i giorni. Se provi ansia o stai attraversando lotte personali, modifica il tuo programma. Sei il tuo capo e hai il 100% di autorità per definire il tuo programma.

Conosco una designer che trasforma ogni mercoledì nella sua “giornata di salute creativa” designata per l’auto-arricchimento e progetti creativi che supportano indirettamente la sua attività.

 

Mentre stai elaborando il tuo programma, è utile riconoscere che compiti diversi richiedono diversi tipi di energia e questo varia da persona a persona. Ad esempio, adoro le chiamate commerciali, naturalmente, entro in uno stato maniacale. Non spengo automaticamente quando riaggancio il telefono. Cercavo di effettuare chiamate tra produzione di design, strategie di costruzione e ricerca, ma il solo passaggio da un tipo di energia a un altro era estenuante a livello mentale.

Dato che sono un dirigente, ho preso la decisione esecutiva di non fare entrambe le cose nello stesso giorno o nello stesso lasso di tempo.

 

Inoltre, come mamma, ci sono alcuni compiti che posso fare mentre mia figlia è a casa / sveglia e alcuni che richiedono estrema attenzione. Riconosci cosa sono e pianifica di conseguenza.

 

 

  1. ON/OFF

Una delle cose più difficili del lavoro a casa è proprio questo: essere sempre a casa. Non è possibile attivare e disattivare semplicemente. Creo rituali per me stessa che aiutano a creare questo tanto necessario spostamento mentale.

 

Mi vesto in un modo che mi fa sentire produttiva – abiti comodi che elevano il mio umore e il trucco leggero.

 

Conosco una web designer finisce di lavorare nel suo ufficio a casa e passa 15 minuti sdraiata sul letto prima di andare a cucinare la cena. Per lei quella transizione è la chiave per sentirsi in salute.

 

  1. 5. Puoi lavorare da solo ma non rimanere completamente solo

Qualcosa che ha cambiato il modo in cui lavoro è la connessione con altri professionisti nel mio campo, nel mio caso, con altri creativi. Ho iniziato a seguire seminari online nel 2010 molto prima che diventassero la norma e sono ancora in contatto con numerose persone che ho incontrato lì. Ci sosteniamo l’un l’altro in tanti modi.

 

Entra in contatto con altri professionisti partecipando a corsi, aderendo a gruppi di Facebook e partecipando a eventi online o di persona. Lavorare da casa può essere incredibilmente isolato. Avere una rete di professionisti nel mio campo e in altre discipline, così come altre mamme che sono imprenditori, è stata la mia linfa vitale.

 

  1. Cambia la tua mentalità riguardo le distrazioni

In genere elenco ciò che devo realizzare per la giornata scegliendo i miei obiettivi prioritari e rendendo il mio elenco intenzionalmente breve per prepararmi a sentirmi realizzata, particolarmente importante come mamma impegnata. Se faccio fatica a concentrarmi, userò la tecnica pomodoro – impostare un timer per 30 minuti e illuminare tutte le distrazioni – lavorare solo per eseguire l’attività impostata. Fai delle pause, vai fuori, allunga. Certo ci sono momenti in cui devi spingere molto per rispettare una scadenza, ma non è tutti i giorni.

Qualcosa che sento molto è: “Non sei distratta da faccende che vuoi fare a casa?” Non penso a quelle cose in quel modo. Sono responsabile al 100% del mio tempo. Dopo aver fatto colazione e mi sono preparata per la giornata, potrei mettere un carico di biancheria in lavatrice, prendere una tazza di caffè e uno spuntino e mettermi al lavoro. Poi, prima di pranzo, stendo il bucato ad asciugare, mangio mentre ascolto un podcast o mi connetto con gli amici prima di tornare al lavoro. Il punto è che tutte queste cose sono elementi della mia vita e tutti devono essere fatti.

 

Una mia collega che ha una bimba di 3 anni e gestisce un’attività di successo parla dell’outsourcing per la sua attività concentrandosi innanzitutto sulle cose della sua vita personale: cucinare e pulire li esternalizza assumendo un assistente. All’inizio sembrava un lusso, poi ci ho pensato: questo ha perfettamente senso. Gestire una squadra richiede molta energia, ma rimuovere le cose dal tuo elenco di cose da fare come cucinare e pulire ti fa solo sentire più realizzato e quindi più mentalmente disponibile per te, la tua famiglia e il tuo lavoro. Nel mio caso, cucinare è creativamente terapeutico mentre la scuola materna / cura dei bambini è il mio elemento in outsourcing più vitale.

 

  1. 7. Impostare i limiti con i clienti

Una lamentela incredibilmente comune degli imprenditori individuali è che hanno clienti che inviano messaggi durante il fine settimana e la sera tardi. Se si impostano i limiti, questo non sarà un problema.

 

Sei un’azienda. Stabilisci orari e protocolli aziendali. Se rispondi nel mezzo della notte, dovrai continuare a farlo e loro continueranno a oltrepassare questo confine. Quando vivevo in Giappone, tutti i miei clienti erano negli Stati Uniti e in Europa. Ho fatto loro sapere le ore in cui ero disponibile e ho usato Calendly (uno strumento di pianificazione gratuito che mostra il fuso orario agli spettatori) per consentire alle persone di richiedere chiamate durante gli orari designati.

 

Non ho MAI dato il mio numero di telefono e in 12+ anni, questo non è mai stato un problema perché quello è il protocollo e le aspettative che stabilisco.

 

  1. La vita reale accade e devi essere pronta per questo.

Quando sono rimasta incinta di mia figlia, non ho mai condiviso questa notizia con nessuno dei miei clienti. Ero convinta che sarei stato ritenuta meno capace e che la mia bambina sarebbe stata vista come la causa di non consegnare in tempo. Queste erano tutte convinzioni mie. Ho lavorato su questo e ancora faccio fatica a fare la danza (non credo nell’equilibrio) tra essere un genitore e una professionista, ma ho dei sistemi in atto che mi aiutano. Metto in preventino più tempo del mio programma di quello che penso di aver bisogno e mi assicuro di comprendere le reali esigenze dei miei clienti con le scadenze per sapere quali buffer sono possibili nel caso dovessi essere in ritardo con una scadenza.

 

Prendersi del tempo libero è il tuo diritto. Conosco un imprenditore singolo che chiude da novembre a gennaio di ogni anno. Conosco altri che lavorano 4 giorni a settimana. Definisci ciò che è meglio per te e ricorda che può cambiare.

 

 

  1. Proteggiti sempre.

Quando si tratta di denaro, le cose si fanno strane quando meno te lo aspetti. Il miglior cambio che ho fatto nella mia attività è nei miei programmi per i pagamenti. Inizialmente, richiedevo il 50% per iniziare e il 50% quando inviavo i risultati finali. Il problema era che costantemente i clienti ritardavano per un motivo o per l’altro, il che significava che il mio flusso di cassa veniva interrotto. Sono passata ad avere 2 opzioni: 1 pagamento in rata unica all’inizio oppure 50% per iniziare, 25% dopo 21 giorni, 25% dopo 40 giorni. Sorprendentemente, la maggior parte preferisce pagare per intero e non avere problemi con questa questione.

 

 

La mia storia

 

Mi chiamo Jaime Di Dio. Sono un’italo-americana di origini siciliane nato e cresciuto a Los Angeles, in California. Ho studiato Interior Architectural Design presso la California State University di Long Beach e ho trascorso un semestre a Firenze, in Italia. Dopo essermi laureata nel 2005, mi sono immediatamente trasferita a Tokyo, in Giappone, e ho iniziato a insegnare inglese mentre intraprendevo progetti di graphic design e studiavo con un affermato designer giapponese.

 

Sono tornata in California nel 2008. Non potendo trovare lavoro negli interni, ho co-fondato uno studio di progettazione grafica. Non avevamo clienti, quindi sono andata al municipio locale, ho scoperto quali eventi imminenti erano in calendario e ho offerto i miei servizi di grafica per la fiera della giornata ambientale della città. Ogni contatto commerciale che ho oggi può essere ricondotto a quel singolo evento. Ho iniziato con il motto “Se ne hai bisogno, possiamo farcela” e mi sono evoluta rapidamente per diventare una specialista come stratega del marchio e direttrice creativa per le aziende del benessere e socialmente consapevoli. (Se mi segui su Instagram @jaimedidio , vedrai che sono una dei principali sostenitori della specializzazione come risultato diretto della mia esperienza.)

 

Ho ricoperto la carica di istruttrice presso l’Università della California di San Diego e ho fatto parte del consiglio di amministrazione di diverse organizzazioni della comunità, oltre a produrre e fornire consulenze su eventi di più città.

 

Quando mia figlia è nata nel 2016, non ho preso un congedo di maternità. Ero in ospedale per essere stato indotta, seduta su una palla da yoga e scrivendo e-mail. Non lo consiglio e non lo rifarei.

 

Siamo tornati in Giappone quando mia figlia aveva 3 mesi. Ho continuato a gestire la mia attività lavorando con clienti negli Stati Uniti e nell’Unione Europea durante le 3:30 – 07:00 del mattino e durante il suo pisolino. Ciò ha portato a un completo esaurimento e non sono stata in grado di lavorare per 3 mesi. Ci siamo trasferiti alle Hawaii nel 2018.

 

Ho continuato con lo stesso programma di lavoro, a volte estendendo alla sera per venire incontro ai clienti con orari europei. Ho avuto altri due esaurimenti e alla fine ho ottenuto il sostegno che avevo chiesto a lungo attraverso l’iscrizione all’asilo per mia figlia. Agopuntura, reiki, meditazione e lavoro con un coach della vita e degli affari sono stati fondamentali nel riprendersi dall’esaurimento e nell’intraprendere un percorso verso la vita personale e professionale che desidero.

 

Attualmente sono un genitore indipendente che vive a Honolulu, nelle Hawaii. Sto crescendo mia figlia trilingue – inglese, italiano e giapponese. Mostra anche interesse per lo spagnolo e il francese. Con la famiglia e gli amici in quasi tutti i continenti, la considero davvero una cittadina del mondo. Per il momento ci stiamo fermando sui viaggi fisici, ma ho tutte le intenzioni di continuare a vivere in un’atmosfera multiculturale che ci porterà alle nostre prossime località.

 

Puoi trovarmi su Instagram @jaimedidio e sul mio sito web www.studioaiuto.com

This post is also available in: Inglese

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.